Pagine da ricordare

Non ho avuto modo di dedicare uno spazio del mio blog per questa giornata ma, affinché non passi sotto silenzio, condivido con piacere questo articolo che ho apprezzato soprattutto per il duro sguardo sul presente. Da qui prendo in prestito una frase : «[…] la brace mai spenta dell’antisemitismo, della xenofobiae del razzismo, fenomeni altrettanto pericolosi poiché, allo stesso modo del terrorismo islamico, hanno ucciso e continuano a uccidere crudelmente, senza una ragione comprensibile, ammesso che per farlo ve ne possa essere una».

Francesco Feola

Diario_Anna_Frank

“Vietato l’ingresso ai ragni e ai Visigoti”. Così, nel film La vita è bella, Roberto Benigni sdrammatizza col piccolo Giosuè (Giorgio Cantarini) che, esposto sulla vetrina di un negozio, legge un cartello con la scritta “Vietato l’ingresso agli ebrei e ai cani”, e ne chiede il perché al babbo.

Un bambino, si sa, fa mille domande ai genitori, la maggior parte delle quali sono domande imbarazzanti. E i grandi, si sa, sono spesso disarmati di fronte all’ingenuità dei bambini. Ancor più disarmato doveva essere un padre ebreo di un figlio ebreo nell’Italia fascista delle Leggi Razziali: come rispondere a una domanda così terribile? Be’, semplicemente che “ognuno fa quello che gli pare”, e che nella loro libreria vieteranno, per tutta risposta, l’ingresso a ragni e Visigoti!

Una scena del film La vita è bella

Parlare di Olocausto, però, dare delle risposte, non è mai così facile…

View original post 1,158 more words

Advertisements

One thought on “Pagine da ricordare

  1. Il sarcasmo sottile, raffinato e pieno di sentimenti di Benigni l’ho adorato, fino alle lagrime.
    Ma la crudeltà persiste, indicibile, irriverente… è una crudeltà raziale non diversa dall’antisemitismo… Accade ora, in molti luoghi sparpagliati nel mondo.
    Non fa grosse titoli e, forse, negli anni a venire, saranno cose peggiori a preoccuparci piuttosto che ricordare con “un giorno del ricordo”.
    Ogni giorno è un giorno da ricordare poiché ovunque coesiste nell’animo umano il “Male”, quel sentimento di odio e rifiuto verso i nostri consimili e verso altre creature viventi…
    Forse, un giorno, ci accorgeremo d’avere deragliato da anni, secoli, millenni… alla ricerca dell’egoistico “senso di presenza” che solo può essere ritrovato nella pura saggezza di un bimbo non (ancora) contaminato.
    Serena giornata :-)claudine

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s